Progetto Domus Aurea

PROGETTO DOMUS AUREA

Domus Aurea

Nei pressi del Colosseo, proprio sotto Colle Oppio, ecco un’area archeologica che impreziosirà la vostra visita a Roma. Si tratta della Domus Aurea, ovvero la residenza che l’imperatore Nerone si era fatto costruire come residenza personale. Il nome deriva proprio dal massiccio uso che venne fatto di questo metallo prezioso.

Domus Aurea
Domus Aurea

La Domus Aurea venne fatta costruire dopo l’incendio che nel 64 D.C devastò il centro di Roma. Leggenda infatti vuole che la volontà dell’imperatore fosse proprio quella di fare terra bruciata per far spazio alla sua sontuosa villa. Anche se c’è ovviamente alcun fondamento in questa supposizione, di certo la Villa Neroniana non era modesta: si estendeva infatti su 80 ettari, coprendo un’area così vasta che i letterati dell’epoca come Plinio, dicevano che “la Domus Aurea abbracciava tutta Roma”. Al posto del Colosseo, che sarebbe stato costruito successivamente con la dinastia Flavia, c’era un lago artificiale, che abbelliva il panorama davanti alla Domus Aurea.

Domus Aurea
Domus Aurea

Il visitatore odierno della Domus Aurea deve tenere di conto il fatto che ciò che vale in generale per le aree archeologiche, ovvero che lo stato in cui li vediamo oggi non è ovviamente niente in confronto allo splendore che avevano in passato, è ancora più vero per la residenza neroniana: per quanto riguarda la superficie, ciò che resta è solo la parte sottostante Colle Oppio. L’area sovrastante è poi stata soggetta a grandi cambiamenti, in primo luogo con la costruzione del Colosseo. La parte interna invece, ha subito cambiamenti da più punti di vista. Il visitatore odierno si ritrova in ambiente semi-buio, essendo la Domus Aurea sotto terra. Tuttavia, la Domus Aurea neroniana era invece un ambiente luminoso: prendeva luce sia dai cortili che da alcuni lucernari. Questo aspetto è stato tuttavia perso dato che gli imperatori che hanno succeduto Nerone hanno usato la sua residenza come deposito di materiali, interrando i vasti spazi e coprendo gli spazi che creavano luce.

In secondo luogo, le pareti erano coperte di affreschi e tinte porpora e oro, che davano colore e una luminosità che il visitatore odierno riesce a intravede solo in alcuni punti. La visita alla Domus Aurea stupisce innanzitutto per la maestosità degli spazi, per l’altezza dei corridoi e per la modernità di alcuni spazi, come la sala ottagonale, coperta da una grande cupola in calcestruzzo decorata da motivi astrali. Sopra la cupola, elementi girevoli in legno si aprivano per mostrare la cupola decorata. Il passare del tempo unito soprattutto al trattamento che gli imperatori successivi a Nerone hanno riservato alla sua residenza, simbolo ovviamente da oscurare e distruggere, una volta terminata la dinastia Neroniana, hanno cancellato il regale e sontuoso aspetto della residenza.

La Soprintendenza ai Beni Archeologici di Roma è tuttavia impegnata in un continuo progetto di restauro di questo unico sito archeologico. La valenza della visita è quindi duplice, da una parte arricchisce la nostra cultura e conoscenza, dall’altra contribuisce a finanziare il progetto Domus Aurea, che speriamo possa consegnare presto all’umanità questa importante  ricchezza archeologica.

Per fare la prenotazione é possibile contattare il numero 055 2670402 oppure sul sito www.ticketsrome.com.

 

www.ticketsrome.com

www.ticketsflorence.com

www.ticketsnaples.com

www.ticketsvenice.com

www.ticketsmilan.com

 

Leave a Reply